Ricerche e Relazioni

Incontro al Cesit con il Ministro dei trasporti (Secretary of State   for Transport) della Gran Bretagna

Incontro al Cesit con il Ministro dei trasporti (Secretary of State for Transport) della Gran Bretagna

Anno: 2009
Autore: Riccardo Mercurio, Marcello Martinez

download

Il direttore scientifico del Cesit Riccardo Mercurio  e Marcello Martinez direttore del dipartimento di Strategie Aziendali della Seconda Università di Napoli, hanno presentato al Ministro dei Trasporti del governo britannico Lord Andrew Adonis,  un'analisi dei modelli di costruzione e gestione delle reti e servizi Alta Velocità in Italia. L'incontro richiesto dal Department for Transport e organizzato in collaborazione con il Consolato britannico di Napoli si inserisce in un programma di visite che Lord Adonis ha condotto nei principali Paesi europei, dove si sono realizzati progetti e investimenti per l'Alta Velocità ferroviaria.

Mercato più competitivo per le aree di servizio

Mercato più competitivo per le aree di servizio

Anno: 2009
Autore: Virginio Di Carlo

download

Le aree di servizio autostradali si avviano a cambiare pelle, trasformando anche la abitudini dei viaggi in auto, in Italia come nel resto del vecchio continente. A dirlo è il rapporto sui "Modelli di affidamento dei servizi di ristoro sulle reti autostradali europee" elaborato da Confimprese, in collaborazione con il Centro studi sui sistemi di trasporto (CESIT).

I dati pubblicati dal Cesit e Confimprese mostrano come anche in tutti gli altri paesi europei si siano ormai affermati sistemi in concessione molto flessibili, con la fine della logica della "rendita da posizione" e l'ingresso di figure manageriali nella gestione delle aree di servizio.

L'analisi evidenzia, invece, come il punto dolente riguardi la eccessiva rigidità nelle gare d'appalto e la ancora scarsa redditività della gestione per gli operatori.

Donne manager nei trasporti (terrestri): aumenta il numero delle donne al comando. Si sta rompendo il “soffitto di cristallo” ?

Donne manager nei trasporti (terrestri): aumenta il numero delle donne al comando. Si sta rompendo il “soffitto di cristallo” ?

Anno: 2009
Autore: Mario Pezzillo Iacono

download

Lo studio del CESIT ha l’obiettivo di monitorare la presenza di donne in posizione di vertice nelle aziende italiane di trasporto pubblico collettivo terrestre, analizzando l’evoluzione del comparto in termini di cultura delle differenze di genere e/o delle pari opportunità. L’indagine ha fornito un dato interessante: nonostante il sistema dei trasporti terrestri  confermi la sua “pertinenza” prettamente maschile, si verifica una tendenza, anche se lenta,  al superamento del cosiddetto “soffitto di cristallo” sia che si consideri l’incremento del numero di donne in posizioni di vertice di nomina tipicamente politica (come i componenti dei CDA), sia se si guada alla presenza femminile in posizioni manageriali. Inoltre si è rilevato un aumento significativo nella diffusione di politiche e strumenti aziendali di gestione delle diversità di genere, ormai di gran moda nei settori dei beni di consumo.

 

LO STATUS QUO DEL SISTEMA DEL TPL IN CALABRIA

LO STATUS QUO DEL SISTEMA DEL TPL IN CALABRIA

Anno: 2009
Autore: Ernesto De Nito, Ilaria Gagliardi

download

La presentazione dello studio sul Sistema del TPL nella Regione Calabria
nasce con lo scopo di fornire riflessioni utili alla promozione di un processo di
cambiamento e innovazione dei trasporti. Il progetto nasce da una collaborazione
tra il CESIT - CEntro studi sui SIstemi di Trasporto “Carlo Mario Guerci” e
il Dipartimento di Diritto dell’Organizzazione Pubblica, Economia e Società
dell’Università Magna Græcia di Catanzaro.
Focalizzando l’analisi su uno specifico ambito di riferimento, lo studio si è
posto come obiettivo quello di verificare lo stato dell’arte del sistema di mobilità
in Calabria con particolare riferimento al Trasporto Pubblico Locale. Il percorso
seguito in questo progetto inizia con la raccolta di informazioni e dati, ottenuti sia
attraverso il ricorso a fonti indotte, sia mediante interviste con il personale delle
aziende, alcuni docenti universitari e dirigenti regionali e provinciali.